Storia di Enrico Gasparotto

Inizialmente si dedica al calcio (fa parte anche delle giovanili del Milan) ma poi abbandona questo sport per dedicarsi al ciclismo. Dopo i buoni trascorsi da dilettante, in cui si mette in luce come ottimo passista veloce, riesce a passare professionista nel 2005 nella Liquigas. Il debutto è subito molto convincente e nel mese di maggio coglie la prima vittoria da professionista al Giro di Catalogna. In giugno sorprende tutti aggiudicandosi il titolo italiano su strada precedendo Filippo Pozzato, Massimo Giunti. Oltre alle due vittorie coglie anche importanti piazzamenti tra i quali il 3° posto all'International UNIQA Classic, il 5° alla Coppa Bernocchi, il 6° nel GP di Misano Adriatico e il 10° nella Parigi-Tours.
Il 2006 è un anno sfortunato; è vittima di vari problemi fisici (i più importanti la mononucleosi contratta in inverno ed una polmonite che lo ha colpito in primavera). Tuttavia pur non correndo con continuità coglie qualche buon piazzamento come il 6° posto nello Scheldeprijs Vlaanderen, l'8° al Giro di Polonia e il 10° al Giro del Benelux. Finalmente il 30 settembre riesce a sorridere cogliendo la prima vittoria stagionale al Memorial Cimurri, poi successivamente giunge 3° alla Coppa Sabatini.
Nel 2007 sarà al via per la sua terza stagione tra i professionisti sempre con la maglia della Liquigas.
©2002-2020 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.