Storia di Fabrizio Guidi

Nato a Pontedera il 13 aprile 1972, Fabrizio Guidi è stato professionista dal 1995 al 2007 e ha totalizzato 46 vittorie.
Passato professionista con la Navigare dei Reverberi poi diventata Scrigno nel 1996, si è trasferito al Team Polti nel 1998 per poi emigrare in squadre straniere dal 2000: FDJeux, Mercury, Team Coast-Bianchi (2002-2003), CSC, Phonak (2005-2006) e Barloworld.
Il ragazzone toscano, buon velocista ma capace, soprattutto in gioventù, di tenere anche in brevi salite, esplode letteralmente nel 1996 vincendo 16 corse tra cui le Tre Valli Varesine, il GP Gippingen battendo l'iridato Olano, il Giro di Danimarca davanti a Sorensen e Riis e concludendo il suo primo Giro d'Italia con addosso la maglia ciclamino e quella azzurra dell'intergiro.
Nel 1997 si conferma ciclista di alto livello indossando un giorno la maglia amarillo alla Vuelta e guadagnandosi per la stagione successiva un ottimo contratto con la Polti.
Nel 1998 conquista tre tappe alla Vuelta e indossa due giorni la maglia amarillo.
Sia nel 1999 che nel 2000 conquista una tappa al Giro e fa tris di maglie della classifica intergiro poi si trasferisce alla Mercury e, prima che la squadra fallisca, riesce ad imporsi in una tappa della Parigi-Nizza e in una del Giro di Romandia.
Nel 2002, a posteriori per la squalifica di Garzelli, gli viene assegnata la maglia rosa al Giro d'Italia per tre giorni. Corre ancora fino al 2007 non raggiungendo più i livelli di eccellenza che aveva raggiunto fino al 2001 e nelle ultime stagioni vince solo corse minori. Ha partecipato a due spedizioni mondiali: Lugano 1996 e San Sebastian 1997.
©2002-2020 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.