Storia di Mauro De Pellegrin

De Pellegrin, classe 1955, inizia a correre tardi, a 16 anni, nella categoria degli allievi con la Rubertex Bagnolese. E' il 1971, un primo anno di esperienza che serve da semina per raccogliere i frutti già l'anno successivo; infatti con la stessa maglia e nella stessa categoria giungono 10 vittorie. Il 1973 lo vede approdare alla categoria dilettantistica in maglia Termolan. Due anni alla corte di Bruno Reverberi, per fare esperienza ed imparare l'uso dei lunghi rapporti. Nel 1975 si trasferisce alla Giacobazzi dove resterà fino alla fine della sua carriera, che terminerà 7 anni più tardi, da vincitore, indossando la maglia Tricolore della sua specialità: la corsa contro il tempo. Il ragazzo reggiano si esalta entrando di diritto nella Nazionale della 4×100 km. La sequenza dei sui risultati è impressionante. Nel 1977 è argento al Campionato del Mondo a San Cristobal in Venezuela (con Bernardi, Da Ros e Porrini) dietro al quartetto Russo formato da Pikkuus, Chaplygin, Kaminski e Chukanov. Nel 1979 vince l'oro ai Giochi del Mediterraneo a Spalato. Nel 1980 è quinto alle Olimpiadi di Mosca in compagnia di Giacomini, Maffei e Minetti. E' azzurro della specialità dal '77 al '82. A questo vanno aggiunte una serie di vittorie su strada fra cui 2 Milano-Reggio, un Trofeo Baracchi con il compagno di colori Stefano Boni, 2 Titoli Italiani Cronometro Individuale nel '80 e nel '82. A fine '82 cessa l'attività senza essere mai passato professionista.
©2002-2020 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.